1Mi chiamo Bruno Saint Hubert. Sono nato nel maggio del 1986, nel comune di Plaisance, a nord del paese. Ora sono responsabile del progetto di sostegno a distanza di COOPI ad Haiti. Ho 4 fratelli, i miei genitori sono dei commercianti ma anche dei contadini (…) Il mio comune produce caffé, cacao, banane, fagioli, zucchero, avocadi e si pratica l’allevamento. Offre tantissimi siti naturali di grande interesse: cascate, grotte. Il 7 agosto 1802, a Plaisance, ci fu l’incontro tra il generale Jean Jacques Desslines e il generale Alexandre Pétion durante il quale fu sancito un patto che portò all’indipendenza di Haiti. La mia vita è sempre stata

triste e faticosa.

Vedere il degrado del mio paese, che un tempo era “la perla delle Antille” mi rattrista. Dopo aver terminato i miei studi secondari nel 2007 presso il liceo nazionale di Plaisance, sono andato a fare l’Università a Port-au-Prince, dove ho seguito studi contabili.. Purtroppo, dopo due anni ho dovuto smettere perché non avevo i mezzi per pagare le rette.. Non i nascondo che fin da piccolo il mio sogno è stato di fare studi superiori e poi mettere le mie competenze a servizio del paese. Ora, come Responsabile Locale del programma di sostegno a distanza di COOPI, mi sento felice e orgoglioso di lottare contro il mancato accesso dei bambini a scuola e le sue conseguenze. Haiti è un paese povero. Ma è anche un paese ricco di storia e di tradizione. E’ ben situato geograficamente, ma anche mal organizzato. Molto c’è da imparare, per vari aspetti. In questo momento Haiti sta attraversando un periodo di turbolenze, una sorta di crisi che è insieme politica, alimentare e economica. Credo che gli altri paesi non possano trascurare gli haitiani, garantire aiuto alla popolazione e soprattutto ai bambini e ai giovani. Bruno