MarinaLepore_testimonianza“Con il mio gruppo di viaggio ho avuto la possibilità di incontrare e visitare molte zone disagiate del mondo, e ho potuto toccare con mano le difficoltà e la povertà più vera. I miei compagni ed io abbiamo visitato una scuola di un villaggio dell’India del Nord e lasciato alcuni oggetti per la vita quotidiana per essere almeno in parte d’aiuto. Ho visto situazioni inimmaginabili”

Nonostante abbia due figli e una famiglia in Italia, Marina ha scelto di entrare a far parte della famiglia del sostegno a distanza in un momento speciale dell’anno: “Da tempo avevo in mente questo progetto e volevo fare qualcosa di speciale proprio a Capodanno” – Così il 31 dicembre 2013 ha contattato Coopi e ha iniziato questa nuova esperienza.

Ricevere le foto, i disegni e gli aggiornamenti del suo bambino che, grazie al suo contributo ha ritrovato la salute e il sorriso, ha commosso tantissimo Marina che è felice di essere parte della vita e della crescita di qualcuno che non può contare su nulla e che, con un suo piccolo aiuto può sperare in un futuro migliore.