moniqueCiao,
Mi chiamo Monique Bokossy, sono nata a Kobo Banewane. Ho tre figli e provengo da una grande famiglia di 12 figli, 5 maschi e 7 femmine, io sono la settima. I miei genitori sono ancora vivi.
Mio figlio maggiore frequenta la quinta, il secondo è alla scuola materna e il terzo non ha ancora due anni. Mio marito è un imprenditore. Io sono sociologa e psicologa.
Finiti gli studi ho iniziato a lavorare nell’ambito della protezione dell’infanzia, mi sono occupata soprattutto della violenza perpetrata nei confronti di quelle che sono considerate “bambine streghe”; successivamente ho lavorato con COOPI sul progetto dedicato ai bambini ex soldato. Finito questo, sono stata 5 mesi a casa ed ora sono tornata a lavorare con COOPI per seguire i progetti di sostegno a distanza.
Lavorare con i bambini è la mia passione; quando un bambino è in pericolo e tu riesci ad aiutarlo e a far rispettare i suoi diritti non hai aiutato solo lui, ma hai contribuito al futuro di una Nazione.
E’ per questo che darò il massimo per contribuire al sostegno a distanza.

combl+®e 2

Monique Bokossy, la nuova referente dei progetti SAD in Rep. Centrafricana

Sappiamo che la recente guerra nel nostro Paese ha distrutto il tessuto sociale e ha lasciato tanti bambini orfani; se ci sono persone che capiscono e vogliono sostenere questi bambini dobbiamo incoraggiarle.
Di carattere sono una persona molto dolce, amo la verità, la comprensione, la fiducia, il rigore, il cambiamento, il dialogo e la formazione; ogni tanto mi innervosisco se qualcosa non funziona.
Amo le critiche positive, se possono migliorare il lavoro.
I miei interessi sono innanzitutto il mio lavoro, che amo molto, e la mia famiglia.
Il mio tempo libero lo passo in ambito religioso, cammino e amo i film.
Non esitate a farmi qualsiasi domanda se avete qualche curiosità, sarò felice di rispondere!

A presto

Nik, come mi chiamano gli amici
o “colma di Grazia”, come mi dicono in chiesa.

Leggi le altre testimonianze di adozione a distanza raccolte in Repubblica Centrafricana